Interestprint Womens Jogging Running Sneaker Leggero Go Easy Walking Comfort Sport Scarpe Da Corsa Collage Di Numeri Ritagli Multi 1

B07BHLVQSS
Interestprint Womens Jogging Running Sneaker Leggero Go Easy Walking Comfort Sport Scarpe Da Corsa Collage Di Numeri Ritagli Multi 1
  • scarpe
  • eva
  • importati
  • Ideato per la moda femminile, elegante e personalizzata.
  • tomaia flywire, a forma di 3-d, incredibilmente leggera e resistente.
  • suola eva, anti-shake, anti-calore, anti-umidità, anti-corrosione, antiscivolo, facile da pulire.
  • curva del piede ergonomicamente snella, che indossa morbidi e confortevoli.
Interestprint Womens Jogging Running Sneaker Leggero Go Easy Walking Comfort Sport Scarpe Da Corsa Collage Di Numeri Ritagli Multi 1 Interestprint Womens Jogging Running Sneaker Leggero Go Easy Walking Comfort Sport Scarpe Da Corsa Collage Di Numeri Ritagli Multi 1

TV

Videoproiettori

Accessori TV

Connecting TV

Blu-ray e DVD

Decoder

Home Video Theatre

Hi-Fi

Audio

Cuffie

Auricolari

Monitorata anche l’operazione per il  nuovo ospedale Galliera : per la procura l’operazione necessita di puntuali e rigorose verifiche sotto il profilo della sostenibilità del progetto a livello economico. In ultimo, la procura e anche la sezione di controllo ritengono necessario che l’amministrazione regionale vincoli oltre 16 milioni di euro nel fondo rischi futuri nella gestione del debito regionale.

L'inizio dello show coglie alla sprovvista in molti: quando  Xabier Iriondo  accarezza le corde e la voce di  Capelli New York Da Donna Infradito Con Borchia E Menta A Righe
 sputa Veleno nel microfono i più stanno ancora addentando panini. 

L'attacco un po' a sorpresa è dovuto all’assenza di  Paolo Benvegnù , rimasto a piedi col furgone e impossibilitato a giungere in… Padania, titolo del nono album della band milanese.

Pride Berlino, grande festa per il matrimonio egualitario. Per la prima volta anche il carro della Chiesa evangelica tedesca

Rate this item
(1 Vote)

38° edizione del  Berliner Christopher Street Day . È con tale nome, volto a richiamare la strada newyorkese in cui ebbero inizio i  moti di Stonewall , che la capitale tedesca celebra dal 1979 il proprio Pride. Pride che, quest’anno, ha assunto un significato tutto particolare.

Le decine di migliaia di partecipanti hanno marciato non solo per ribadire il proprio no a ogni rigurgito di destra  secondo lo slogan  Mehr von Uns. Jede Stimme gegen Rechts . Ma hanno voluto anche festeggiare la recente approvazione da parte del  Bunstedag  della legge sul matrimonio egualitario , promulgata venerdì 21 luglio dal presidente federale  Frank-Walter Steinmeier . Tra i tanti carri presenti un  unicum  assoluto: quello della  Chiesa evangelica di Berlino, Brandeburgo, Slesia e Alta Lusazia  che, per la prima volta, ha preso parte alla parata. Quella berlinese è una delle 20 comunità regionali dell'  Evangelische Kirche in Deutschland : si tratta della massima federazione di comunità riformate del Paese e ne è componente anche la cancelliera federale  Angela Merkel .

Nonostante la pioggia battente la marcia dell’orgoglio Lgbti è partita intorno alle 12.30 da Charlottenburg e si è snodata lungo Wittenbergplatz, Nollendorfplatz, Lützowplatz e la Siegessäule per terminare alle nei pressi della porta di  Brandeburgo . Qui si è tenuta l’adunata finale che ha dato il via anche agli eventi lungo la  Straße des 17. Juni : un vero e proprio Pride Village che, per l’estensione di un chilometro, si è caratterizzato fino alla mezzanotte per una serie di eventi politici, culturali e musicali. Tra le esibizioni anche quelle di  Maite Kelly, Conchita Wurst e Tyna .